Una stalla a 5 stelle – terza puntata

pastore1Calma… un momento… ragioniamo. Ricapitolando: la Soprintendenza, oltre ad evidenziare in maniera molto decisa le lacune del Comune in fase istruttoria, sostiene che la relazione paesaggistica che accompagna il progetto sia carente in termini di analisi ed elementi di valutazione di compatibilità paesaggistica. Inoltre che le mitigazioni previste dal progetto non sono efficaci e risolutive.
Bene, ci convinciamo che sia necessario e sufficiente che il Comune segua le corrette procedure indicate dalla Soprintendenza e che da parte nostra si provveda ad integrare e rivedere la relazione paesaggistica oltre ad introdurre alcune ed ulteriori migliorie mitigative al progetto quali il tetto verde e la riduzione dell’altezza dei silos. Ne parliamo anche con alcuni funzionari della Soprintendenza…

che ci rassicurano: ripresentate il tutto e vedrete che stavolta non ci saranno problemi. E così facciamo, ma… niente da fare, altra bocciatura. La Soprintendenza “pur apprezzando l’intendimento migliorativo” esprime “parere contrario” al progetto il quale: “per localizzazione, dimensioni, caratteristiche morfologiche, materiche e cromatiche” non risulta compatibile paesaggisticamente con il contesto. Sembra proprio una condanna definitiva e senza appello! Non vanno bene le dimensioni, la forma, i materiali ed i colori! Cosa si salva? Nulla. E le pecorelle? Per adesso se ne restano all’addiaccio… e nel frattempo sono passati 8 mesi da quando abbiamo presentato il primo progetto… (continua…)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *